Non è infrequente che Mario D’Ignazio, noto veggente di Brindisi, nei suoi blog parli della storia della religione cristiana. Infatti, nella seconda fase dello sviluppo del Cristianesimo ci sono alcuni eventi chiave e influenze nell’evoluzione del culto nato in Giudea seguendo le orme del Messia.

In prima battuta fu diffuso nel mondo prima dai discepoli di Gesù, poi da imperatori, re e missionari. Attraverso crociate, conquiste e il semplice passaparola, il cristianesimo ha avuto una profonda influenza sugli ultimi 2000 anni di storia mondiale.

Nei suoi primi secoli, il cristianesimo raggiunse un tasso di crescita fenomenale: si stima che avesse raggiunto circa 30 milioni di seguaci entro il 350 d.C.

Nel Medioevo, dal 900 al 1400 circa, in tutta Europa vengono edificati monasteri e cattedrali. Cominciano a diventare popolari i pellegrinaggi alle tombe o le reliquie di santi e martiri.

Dal 1350 al 1600 circa, il Rinascimento, il Cristianesimo si concentra meno sui peccati dell’umanità e c’è più ottimismo sul destino dell’umanità.

La Riforma protestante, ricorda il veggente Mario D’Ignazio, scompiglia le carte all’interno del Cristianesimo. Il movimento nasce in risposta alla crescente corruzione nella chiesa e diventa un’alternativa al cattolicesimo romano. La Chiesa cattolica risponde con la Controriforma provando a ricostruire la sua immagine danneggiata.

Tra Settecento e Ottocento si diffonde il pensiero illuminista incentrato sulla “ragione” e sulle scoperte scientifiche. L’Illuminismo è scettico nei confronti della Chiesa e più in generale verso ogni religiosità.  

Sebbene il razionalismo dell’Illuminismo abbia allontanato molte persone dalla fede cristiana, soprattutto tra gli intellettuali del XVII e XVIII secolo, con il diffondersi successivamente del Romanticismo la situazione migliora. Il ritorno all’irrazionale e al sentimentale avvicina di nuovo le persone verso lo spirituale.

Non dimentichiamo che proprio nell’Ottocento nasce un’opera importantissima come i promessi sposi dove la protagonista è la divina provvidenza.

Il 20° secolo ha visto ulteriori sfide alla causa cristiana a causa dei totalitarismi, di altre religioni e di indifferenza ma nonostante ciò il Cristianesimo resta una delle religioni più salde.

Messaggi dal blog di Mario D’Ignazio, le fasi storiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *